Palo Alto SA https://www.paloalto.swiss Wed, 20 Feb 2019 13:36:16 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.1 https://www.paloalto.swiss/wordpress/wp-content/uploads/2016/06/cropped-Icona-PaloAlto-150x150.png Palo Alto SA https://www.paloalto.swiss 32 32 Corso Online – Autodesk Revit Base https://www.paloalto.swiss/blog/corso-online-autodesk-revit-base/ Wed, 20 Feb 2019 13:36:16 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5611 L'articolo Corso Online – Autodesk Revit Base sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Iscriviti al corso Revit 2019 - Livello Base

Tipo di corso: Online Livello: Base Durata corso: 16 ore Inizio corso: 26 febbraio 2019 Costo: CHF 385 (iva inclusa) Docente: Alessandro Braghetto, BIM Application Engineer NKE, tecnico CAD certificato Autodesk con ventennale esperienza Orario del corso: dalle 16:00 alle 18:00

Date del corso:

  1. martedì 26 febbraio
  2. venerdì 1 marzo
  3. venerdì 8 marzo
  4. martedì 12 marzo
  5. lunedì 18 marzo
  6. venerdì 22 marzo
  7. martedì 26 marzo
  8. venerdì 29 marzo

Il corso di Revit è finalizzato alla conoscenza degli strumenti di progettazione architettonica, tridimensionale e parametrica; consentirà ai partecipanti di acquisire le competenze per la definizione di un progetto architettonico attraverso l’inserimento e la personalizzazione degli oggetti, creare e gestire le viste, ottenere gli abachi degli oggetti e comporre le tavole. Verrà utilizzata la release 2019.

Argomenti trattati:

  1. Introduzione e concetti base
  2. Elementi architettonici
  3. Elementi strutturali
  4. Viste e strumenti di annotazione
  5. Rendering
  6. Abachi e Computo delle quantità
  7. Stampa

Il corso sarà realizzato completamente online e le lezioni registrate saranno fruibili in qualsiasi momento anche successivamente. Le lezioni non saranno pre-registrate e saranno il frutto dell’interazione durante le 16 ore.

 

Elena Ventola Turienzo

Marketing e comunicazione, Palo Alto SA

Vuoi saperne di più sulla nostra offerta formativa?

 

L'articolo Corso Online – Autodesk Revit Base sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
Obiettivo 2019: la piena soddisfazione dei clienti https://www.paloalto.swiss/blog/2019-clienti-soddisfatti/ Mon, 11 Feb 2019 13:33:45 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5559 L'articolo Obiettivo 2019: la piena soddisfazione dei clienti sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Si è da poco concluso un anno che per noi è stato semplicemente fantastico: pochi scommettevano sui buoni frutti che avrebbe dato l’unione di competenze e struttura tra Palo Alto e Delivery Ticino, ma i numeri dimostrano il contrario: rispetto al 2017 la divisione ticinese è cresciuta del 54%, mentre quella italiana del 112%.

Con uno staff di 10 tecnici/commerciali certificati, siamo di fatto uno dei più grandi partner Docuware in Europa, e abbiamo sfiorato per un soffio l’ingresso nel club Diamond tedesco (regione DACH). Un sincero grazie ai clienti che ci hanno permesso di raggiungere questo risultato, e a tutti i collaboratori, sia commerciali che tecnici, che hanno contribuito a finalizzarlo.

Siamo soddisfatti, ma non appagati, e quindi rieccoci nel 2019 con più entusiasmo che mai e con diverse attività interessanti già avviate:

 

1. User Experience: accompagnamento strategico dei nostri clienti sfruttando al massimo le potenzialità del pacchetto acquistato.

A partire dal mese di settembre scorso abbiamo attivato questa iniziativa: visitiamo un nostro cliente, lo affianchiamo nel lavoro quotidiano, analizziamo come lavora e raccogliamo gli elementi che ci permettono di elaborare un’analisi organizzativa. Una volta pronta ritorniamo dal cliente per condividerla insieme alle nostre impressioni e suggeriamo, in funzione della nostra esperienza, in che modo potrebbe ottimizzare il proprio lavoro e la propria organizzazione senza acquistare niente, ovvero sfruttando al meglio quanto già in vostro possesso. Questa attività ci ha dato ottimi riscontri, e ha ulteriormente saldato la relazione che abbiamo con chi decide di affidare a noi la gestione del suo archivio cartaceo e digitale. Se vuoi anche tu approfittare di questa attività che svolgiamo gratuitamente, contatta la collega Andreia all’email a.david@paloalto.swiss.

2. Formazione

Stiamo allestendo una serie di corsi base, avanzato e per programmatori. Vogliamo che DocuWare sia usato sempre di più e sempre al meglio. Il programma dettagliato dei corsi uscirà entro marzo.

 

3. Supporto tecnico: gestione dei ticket tramite form di DocuWare, per darvi risposte più rapide e aggiornamenti in tempo reale

Da gennaio è possibile aprire una chiamata di assistenza per DocuWare direttamente dai nostri siti paloalto.swiss/supporto e deliveryticino.com/assistenza. Il processo assegna automaticamente l’attività al tecnico di riferimento, in modo da evitare inutili telefonate, e-mail e attese. Con la nuova procedura la richiesta rimane tracciata, il richiedente viene aggiornato in tempo reale sulle tempistiche e sulle attività eseguite. Tutte le informazioni rimangono salvate nella “cartella cliente”, così la prossima volta non bisognerà spiegare niente al tecnico incaricato in quanto grazie allo storico saprà esattamente cosa è stato fatto in passato.

 

4. Programmazione attività: un nuovo sistema per condividere con il cliente lo stato di avanzamento lavori, mantenere lo storico e tenere traccia delle attività previste.

Anche per le commesse in fase di esecuzione a marzo diventa operativo il sistema che coinvolge direttamente il cliente nelle attività a lui dedicate. Vogliamo sempre di più incastrare le agende di tutti gli attori coinvolti, clienti, tecnici, responsabili dell’infrastruttura, ma non è sempre semplice. Questo sistema ci permetterà per ogni progetto aperto di poter condividere con il nostro cliente lo stato di avanzamento dei lavori in tempo reale, mantenere uno storico delle cose fatte e tenere sotto controllo le attività da fare. Il cliente avrà accesso alla sua area riservata dove potrà vedere tutti i documenti che lo riguardano e tutte le attività pianificate.

 

5. Fattura Elettronica ITA

Dal 1° gennaio 2019 in Italia la Fattura Elettronica tra aziende private è diventata (finalmente) realtà. Noi abbiamo investito tanto in questo settore, certificandoci diretti intermediari con il Sistema di interscambio (Sdi) e rilasciando una integrazione nativa con DocuWare. Nel mese di gennaio i nostri clienti hanno processato oltre 10’000 fatture digitali in entrata e in uscita. Siamo molto soddisfatti di questo traguardo raggiunto. Sorrido quando vedo ancora certe pubblicità che associano il nostro settore alla carta. La maggior parte delle informazioni oggi è elettronica, si fa ancora fatica a capire che Archiviazione è sinonimo di Organizzazione. La nostra missione è quella di gestire informazioni e processi, non documenti.

Credo sia inutile sottolineare che tutto quanto descritto sopra lo sviluppiamo con la piattaforma DocuWare. Quelli elencati sono solo alcuni degli innumerevoli campi di applicazioni che siamo in grado di personalizzare per la nostra organizzazione quanto per la vostra.

 

Vediamo ora quali sono le novità di DocuWare stesso e perché vale la pena passare all’ultima versione:

 

6. Docuware 7: modulistica elettronica e workflow portano la gestione di informazioni a un livello superiore

L’ultima versione è stata rilasciata ufficialmente ad aprile 2018. Dopo gli inevitabili primi mesi di assestamento a settembre abbiamo iniziato gli aggiornamenti presso i clienti che hanno un contratto attivo. Questa versione porta tante novità, sia dal punto di vista tecnologico che di utilizzo, vi invito pertanto a scaricarvi la documentazione che trovate a questo link e che potrete visionare con la dovuta tranquillità.

Ci tengo però a sottolineare due importanti aspetti:

  • La sicurezza: DocuWare 7 è ancora più sicuro, è GDPR compliant, è possibile tracciare con i log qualsiasi operazione effettuata sul documento o sul suo workflow approvativo. E se avete il sistema in cloud o la versione server Enterprise le immagini sono criptate, perché oramai DocuWare è usato sovente nell’area risorse umane. Vedi certificato ISO
  • Modulistica elettronica e workflow: Questi due moduli combinati assieme generano un effetto dirompente: è possibile compilare form di richiesta abbinata a qualsiasi settore: commerciale, tecnica, risorse umane. E dopo aver ricevuto la richiesta potete instradare il documento in un processo guidato, con incarichi, coinvolgimenti e scadenze. Due ingredienti che creano un piatto succulento perfetto.

7. Process Planner: uno strumento web semplice e gratuito per creare processi decisionali

Docuware ha rilasciato uno strumento semplice ed intuitivo per creare dei processi decisionali: Process Planner è un’applicazione web completamente gratuita con la quale è possibile disegnare e condividere uno o più processi, sia in modifica che in sola lettura, con uno o più collaboratori interni o esterni alla vostra struttura. Provatelo, è sufficiente che vi registriate, e se avete bisogno di supporto coinvolgeteci. 

8. DocuWare Cloud: sicurezza e performance ai massimi livelli sui server di Microsoft Azure

Per evitare adeguamenti alla infrastruttura IT sempre di più aziende spostano le proprie applicazioni dalla soluzione on premise al cloud. Le funzionalità di DocuWare sono invariate. L’infrastruttura scelta dalla DocuWare è quella fornita da Microsoft Azure, sicuramente in questo momento la più performante a livello mondiale. E la normativa svizzera consente di archiviare i documenti fiscali entro le mura della comunità europea. A questo link potete trovare le nuove specifiche della versione 7, che come potrete constatare in termini di sicurezza e performance sono ai massimi livelli.

Vuoi vedere fino a dove puoi arrivare con DocuWare?
Richiedi un appuntamento nei nostri uffici di Lugano, saremo lieti di condividere le nostre esperienze.

A presto

Maurizio Bensi

DMS/BPM Unit Director, Palo Alto SA

Vuoi vedere fino a dove puoi arrivare con DocuWare?

L'articolo Obiettivo 2019: la piena soddisfazione dei clienti sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
16 ottobre: iscriviti ai nostri eventi https://www.paloalto.swiss/blog/16-ottobre-iscriviti-ai-nostri-eventi/ Tue, 02 Oct 2018 13:18:10 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5340 L'articolo 16 ottobre: iscriviti ai nostri eventi sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Cosa rallenta il ritmo della tua attività?

Una mole di dati e documenti in costante aumento, collaboratori oberati e costretti a gestire attività alienanti e ripetitive a scapito della loro mansione principale, problemi di sicurezza, introduzione di nuove normative, mancanza di controllo sulle pendenze e sull’operato degli impiegati?

Scopri con noi, il 16 ottobre presso la nostra sede (08:30-17:30), come convertire i documenti in risorse, liberare i tuoi collaboratori da attività ripetitive e avere tutto sotto controllo e a norma di legge.

Oppure stai utilizzando metodi di produzione obsoleti? Il mercato chiede di più in tempi più brevi?

Scopri con noi, il 16 ottobre alle 17:00 presso la SUPSI di Manno, come integrare la manifattura additiva all’interno della filiera di produzione. Iscriviti qui entro l’8 ottobre.

Ti aspettiamo con soluzioni innovative e performanti!

16 ottobre - Openday DocuWare

L'articolo 16 ottobre: iscriviti ai nostri eventi sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
Cos’è la curiosità? https://www.paloalto.swiss/blog/cose-la-curiosita/ Fri, 21 Sep 2018 13:15:40 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5247 L'articolo Cos’è la curiosità? sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

La curiosità è la migliore medicina contro qualsiasi forma di frustrazione, di nervosismo, di malumore e soprattutto contro la noia. È la più preziosa compagna di vita e deve essere il punto focale del nostro percorso sia privato che professionale.

Dobbiamo essere come il girasole che cerca sempre la stella per andare avanti nella sua crescita, senza temporeggiare dinnanzi a nulla e lasciandoci alle spalle l’obsoleto.

Chi non ha curiosità, ha perso già sé stesso e a breve sprofonderà nella solitudine per diventarne prigioniero, perciò care lettrici e lettori, essere curiosi ci da la possibilità di valutare e scegliere la strada più giusta per il nostro futuro.

Non per forza la più facile, ma sicuramente la più interessante.

Sono nato nella generazione Y (1980-2000), ossia quella tra la generazione X dei miei genitori (1965-1980) e la generazione Z dei miei nipoti (dal 2000 a oggi). Nonostante la mia epoca sia caratterizzata da un maggior utilizzo e familiarità con i media e le tecnologie digitali, differiamo dai nativi digitali della generazione Z proprio nel fatto che questi ultimi danno per scontato la fruizione della tecnologia digitale e della comunicazione che ne deriva.

Considerata la mole di informazioni di cui dispongono e la facilità con la quale riescono a reperirle, i nativi digitali dovrebbero essere estremamente creativi e interessati. Le statistiche dimostrano invece che la generazione Z, gode di poca curiosità, che nell’epoca dell’iper-informazione, la sequela di news talvolta risulta poco significativa, questi ragazzi sono spesso tuttologi superficiali, conoscono i titoli di tutto, ma non hanno la curiosità di approfondire i contenuti.

Sono iper connessi, multimediali, autonomi, mirano più alla rapidità che all’accuratezza; e noi generazioni X e Y ci accorgiamo di essere circondati da giovani che hanno spento la fiamma della curiosità.

Eppure, la curiosità è fondamentale, perché è l’anticamera della libertà, perché apre la mente alla conoscenza, a qualcosa che possiamo scoprire solo inseguendo questo stimolo.

Molti si fermano all’apparenza, talvolta ingannevole delle cose, sfociando nell’indifferenza più totale. E nella condizione di disinteresse viene a mancare anche la volontà di scegliere.

Se vuoi essere innovativo non puoi non essere curioso.

Sviluppa il tuo senso critico per avere sempre meno limiti, per vedere il mondo con occhi diversi, e non fermarti alla prima barriera. Questo è l’unico modo che ti da la possibilità di vedere tutte le sfaccettature nascoste.

Concludendo, sii curioso, perché solo così potrai vivere la tua vita con passione. Non adagiarti a causa della tecnologia, ma sfruttala a tuo favore per risolvere i problemi e per avere più tempo per sviluppare le tue idee.

Martino Pisaturo

Marketing e vendita, Palo Alto SA

Vuoi saperne di più sulle nostre soluzioni?

L'articolo Cos’è la curiosità? sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
Corso Online – Autodesk Revit Structure 2019 https://www.paloalto.swiss/blog/corso-online-autodesk-revit-structure-2019/ Mon, 03 Sep 2018 06:41:57 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5199 L'articolo Corso Online – Autodesk Revit Structure 2019 sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Iscriviti al corso Revit Structure 2019 - Livello Base

Tipo di corso: Online
Livello: Base
Durata corso: 21 ore (7 lezioni da 3 ore)
Inizio corso: 27 settembre 2018
Costo: CHF 385 (iva inclusa)
Docente: Ing. Maurizio Simoni, esperto BIM e docente certificato Autodesk Revit Structure dal 2015
Orario del corso: dalle 15:00 alle 18:00

Date del corso:

  1. giovedì 27 settembre 2018
    2. giovedì 4 ottobre 2018
    3. giovedì 11 ottobre 2018
    4. giovedì 18 ottobre 2018
    5. giovedì 25 ottobre 2018
    6. giovedì 8 novembre 2018
    7. giovedì 15 novembre 2018

Il corso di Revit Structure si propone di fornire gli strumenti necessari per la gestione del progetto strutturale. Partendo dalle nozioni di base, i partecipanti affronteranno gli argomenti utili per la creazione di un modello tridimensionale del telaio, composto da elementi strutturali standard e personalizzati. Verranno inoltre fornite le nozioni necessarie per la gestione della documentazione di progetto durante le diverse fasi di sviluppo. Verrà utilizzata la release 2019.

Argomenti trattati:

  • LE BASI
  • 
Introduzione a Revit Structure
  • L’interfaccia utente e il Browser di progettoIL PROGETTO STRUTTURALE
  • Il template di Revit Structure
  • Le unità di misura
Le impostazioni strutturali
  • I datum – Griglie, livelli, piani di riferimento e piani di lavoroELEMENTI STRUTTURALI
  • Pilastri strutturali e colonne architettoniche
  • I controventi
  • 
Muri strutturali e muri architettonici
  • Travi e sistemi di travi
  • Le travi reticolari
  • Pavimenti strutturali e pavimenti architettonici
  • Plinti, cordoli e platee di fondazione
  • Il modello analitico unifilare
  • Rinforzo strutturale – Le armature per il C.C.A.
  • Acciaio e connessioni strutturali
  • Gruppi e assiemiLE ANNOTAZIONI
  • Tipi di quote
  • 
Elementi di dettaglio
  • Testi ed etichette
SimboliANALISI
  • Carichi, condizioni e combinazioni
  • Vincoli
Strumenti del modello analitico
  • Cenni al link con Autodesk Robot Structural AnalysisCOLLEGAMENTI E IMPORTAZIONI
  • Collegamenti con RVT, IFC e DWG
  • Copia/ControllaVISTE
  • Tipi di viste e loro creazione
  • Gestione delle viste
  • 
Modelli vista
  • Gli abachi
  • 
La messa in tavolaVARIANTI E FASI
  • Revit e la quarta dimensione – Gestione delle fasi di lavoro
  • Demolizione e ricostruzione
  • Filtri delle fasi e sostituzione grafica
  • 
Le varianti di progetto

Il corso sarà realizzato completamente online e le lezioni registrate saranno fruibili in qualsiasi momento anche successivamente. Le lezioni non saranno pre-registrate e saranno il frutto dell’interazione durante le 15 ore.

Elena Ventola Turienzo

Marketing e comunicazione, Palo Alto SA

Vuoi saperne di più sulla nostra offerta formativa?

L'articolo Corso Online – Autodesk Revit Structure 2019 sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
Saluti sportivi caro Wes https://www.paloalto.swiss/blog/westher-union-neuchatel/ Fri, 31 Aug 2018 12:08:41 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5177 L'articolo Saluti sportivi caro Wes sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Facciamo i nostri migliori auguri a Westher che dal primo di settembre farà parte della squadra di basket Union Neuchâtel.

Come Palo Alto siamo onorati di aver avuto Westher fra i nostri collaboratori. La sua professionalità, il suo dinamismo e le sue doti comunicative hanno contribuito a stimolare il mercato ticinese nell’ambito della digitalizzazione promuovendo con orgoglio le nostre soluzioni. Ci mancheranno la sua simpatia e il suo buon umore quotidiano, ma sappiamo bene che le occasioni vanno colte quando si presentano ed è solo con ambizione e costanza che si raggiungono grandi traguardi.

Da sempre attivi come sponsor in ambito sportivo, abbiamo seguito con passione la stagione di Westher trascorsa nei Lugano Tigers e non mancheremo di dargli il nostro sostegno sia al Neuchâtel che per i risultati del 3x3 World Tour.

A Wes, tanti auguri da tutto il team Palo Alto!

L'articolo Saluti sportivi caro Wes sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
Corso Online – Autodesk Revit Avanzato https://www.paloalto.swiss/blog/corso-online-autodesk-revit-avanzato/ Mon, 27 Aug 2018 10:14:59 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5131 L'articolo Corso Online – Autodesk Revit Avanzato sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Iscriviti al corso Revit 2019 - Livello Base

Tipo di corso: Online
Livello: Avanzato
Durata corso: 15 ore (5 lezioni da 3 ore)
Inizio corso: 12 settembre 2018
Costo: CHF 385 (iva inclusa)
Docente: Alessandro Braghetto, BIM Application Engineer NKE, tecnico CAD certificato Autodesk con ventennale esperienza
Orario del corso: dalle 15:00 alle 18:00

Date del corso:

  1. Mercoledì 12 settembre 2018
  2. Mercoledì 19 settembre 2018
  3. Mercoledì 26 settembre 2018
  4. Mercoledì 3 ottobre 2018
  5. Mercoledì 10 ottobre 2018

Il corso di Revit Avanzato fa seguito al corso Base che si è tenuto a Giugno 2018. Il software Revit® BIM comprende funzionalità per la progettazione architettonica, l’ingegneria MEP, la progettazione strutturale e le costruzioni. Revit supporta un processo di progettazione collaborativo multidisciplinare ed è ideato per il Building Information Modeling.

Argomenti trattati:

  1. Masse concettuali: dall’idea del progetto agli elementi architettonici (muri, pavimento tetto, facciate continue)
  2. Autodesk FormIT
  3. Fasi di progetto (demolizioni e costruzioni, cronologia degli interventi)
  4. Varianti di progetto
  5. Revisioni
  6. Famiglie: creazione di un componente personalizzato parametrico; famiglie nidificate
  7. Modellazione in-Place
  8. Utilizzo dei Filtri
  9. Collegamento dei file di Revit: utilizzo del copia/controlla, verifica del coordinamento e del controllo delle interferenze
  10. Esportazione del progetto: IFC e DWG; impostazione di esportazione

Il corso sarà realizzato completamente online e le lezioni registrate saranno fruibili in qualsiasi momento anche successivamente. Le lezioni non saranno pre-registrate e saranno il frutto dell’interazione durante le 15 ore.

 

Elena Ventola Turienzo

Marketing e comunicazione, Palo Alto SA

Vuoi saperne di più sulla nostra offerta formativa?

 

L'articolo Corso Online – Autodesk Revit Avanzato sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
L’homo adaptus sopravviverà alla IV rivoluzione industriale https://www.paloalto.swiss/blog/homo-adaptus/ Mon, 27 Aug 2018 06:30:28 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5124 L'articolo L’homo adaptus sopravviverà alla IV rivoluzione industriale sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Quella che è stata definita la Quarta Rivoluzione Industriale ha portato una ventata di cambiamento ovunque, così come in Ticino. Tale cambiamento non è solo legato alla tecnologia, ma soprattutto alla mentalità dei lavoratori e al proprio know-how.

In questo articolo voglio spiegarti come adattarti al nuovo contesto.

Advanced e Additive manufacturing, Simulation, Cloud, Cyber-security e Integration, non sono solo alcuni degli elementi fondamentali della rivoluzione 4.0, sono anche concetti che spaventano molti, dagli imprenditori ai dipendenti.

Queste tematiche non possono tuttavia essere ignorate, soprattutto in Svizzera, che fino all’anno scorso si situava sul podio della competitività mondiale mentre ora scivola al 5° posto, nonostante alcuni sforzi di cambiamento si stiano facendo evidenti (secondo le statistiche un quarto dei lavoratori svizzeri ha già adottato pratiche di Smart Working, articolo di discussione nei post precedenti).

La risposta alla necessità di adattarsi a un mondo che muta sempre più velocemente e che richiede sempre più competenze, sono senza dubbio l’aggiornamento e la formazione continua.

Imparare ad utilizzare strumenti e modalità di lavoro introdotte dall’industria 4.0 è possibile, nonché necessario, non solo per le grandi imprese, ma soprattutto per la sopravvivenze ed evoluzione delle PMI.

Avrai sentito parlare di Homo Adaptus, il lavoratore caratterizzato da apertura al cambiamento, creatività e ampie capacità di problem solving.

Per me si tratta di qualità innate e per te?

A mio parere tutti abbiamo una carta nella manica, ma se non credi di essere nato con queste caratteristiche… basta stimolarle attraverso percorsi formativi di diverso tipo, come la formazione continua tramite associazioni di categoria o corsi online.

Oppure puoi affidarti ai sistemi di apprendimento partecipativo, che superando il concetto tradizionale di scuola, ti consentono di conversare dapprima in video conferenza con un esperto posizionato ovunque nel mondo, quindi sfruttando le potenzialità del digitale di imparare dai migliori sul mercato, dopodiché, con un gruppo ristretto di partecipanti, ci si incontra fisicamente per un brainstorming. Il cosiddetto apprendimento dialogico e pratico.

Affidarsi a professionisti del settore rimane una valida modalità di apprendimento e adattamento al cambiamento. Consapevoli del fatto che una nuova tecnologia in azienda non è sufficiente a renderne i meccanismi più efficienti, coloro che sono specializzati nel passaggio al 4.0 (come noi in Palo Alto) devono poterti fornire assistenza costante in fase di analisi, durante l’implementazione e al momento in cui l’applicazione dei nuovi metodi diventa operativa. È quindi fondamentale che il servizio includa anche la formazione nei confronti dei collaboratori che dovranno utilizzare i nuovi sistemi introdotti dall’azienda per consentire loro di ottimizzare la propria attività.

Concludendo, abbiamo tutti i mezzi per affrontare al meglio la Quarta Rivoluzione Industriale. Diventa anche tu, quell’homo adaptus che accoglierà il cambiamento non come una minaccia, ma come un’avvincente e stimolante sfida per migliorarsi e crescere costantemente.

Martino Pisaturo

Marketing e vendita, Palo Alto SA

Vuoi saperne di più sulle nostre soluzioni?

L'articolo L’homo adaptus sopravviverà alla IV rivoluzione industriale sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
La formazione salverà l’uomo dai robot https://www.paloalto.swiss/blog/la-formazione-salvera-luomo-dai-robot/ Mon, 20 Aug 2018 07:16:44 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5114 L'articolo La formazione salverà l’uomo dai robot sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Il futuro del lavoro sembrerà molto diverso, poiché l’automazione e l’intelligenza artificiale rendono obsoleti molti lavori manuali, ripetitivi.

Secondo il McKinsey Global Institute, i robot potrebbero sostituire 800 milioni di posti di lavoro entro il 2030, mentre il World Economic Forum suggerisce che una “rivoluzione delle competenze” e la formazione potrebbero aprire una serie di nuove opportunità.

“Se non cambiamo il modo in cui insegniamo, tra 30 anni, saremo nei guai”, ha detto Jack Ma, fondatore di Alibaba Group, il gigante dell’e-commerce cinese, “ai bambini dovrebbero essere insegnate “competenze trasversali” come il pensiero indipendente, i valori e il lavoro di squadra”.

“Tutto ciò che è di routine o ripetitivo sarà automatizzato”, ha detto Minouche Shafik, direttrice della London School of Economics & Political Science affermando che i lavoratori, oggi, hanno le competenze per trovare un buon lavoro nell’era dell’automazione.

L’istruzione è assolutamente vitale, perché in grado di sintetizzare le informazioni, analizzarle e valutarle criticamente. In passato i lavori erano soprattutto di tipo fisico, in futuro coinvolgeranno la sfera emotiva, abilità che i robot non possiedono.

Lavorare in team e con altre persone in tutte le discipline è un’abilità importantissima, così come insegnare alle persone come pensare, perché dura nel tempo.

Se hai letto della crescente importanza delle abilità STEM, vale a dire Scienza, Tecnologia, Educazione e Matematica, ecco una rinfrescante visione di Fabiola Gianotti, fisico delle particelle e direttore generale del CERN. È la donna responsabile del Large Hadron Collider e di altri progetti di Big Science, ma dice che la musica è importante quanto la matematica.

“Abbiamo bisogno di rompere i silos culturali. Troppo spesso le persone mettono la scienza e le discipline umanistiche, o la scienza e le arti, in diversi silos. Sono la massima espressione della curiosità e della creatività dell’umanità”, ha detto in una sessione sull’educazione.

È importante quindi provvedere già dall’età scolare all’educazione e alla formazione dei giovani su questi temi dal momento che proprio l’educazione ha un ruolo importantissimo e non solo quello di preparare le persone per i posti di lavoro del futuro.

L’educazione è ciò che abbatte i cicli di povertà e oppressione, ha detto Sinead Burke e se c’è qualcuno che incarna quest’idea è Malala Yousfzai, attivista pakistana e fondatrice del Fondo Malala, volto a garantire l’istruzione di 100 mila ragazze, grazie anche al sostegno di Apple.

Concludendo, il 48° incontro annuale del WEF mira a rieducare i leader di tutti i ceti sociali, allo sviluppo di una narrativa condivisa – atta a migliorare l’attuale stato frammentato del mondo – e basata su un senso comune di multidisciplinarietà e collaborazione.

Martino Pisaturo

Marketing e vendita, Palo Alto SA

Vuoi saperne di più sulle nostre soluzioni?

L'articolo La formazione salverà l’uomo dai robot sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>
Smart working… la chiave per governare il cambiamento https://www.paloalto.swiss/blog/smart-working/ Mon, 13 Aug 2018 06:30:05 +0000 https://www.paloalto.swiss/?p=5111 L'articolo Smart working… la chiave per governare il cambiamento sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>

Lavoro 4.0: Professioni Smart grazie a strumenti e mentalità più flessibili

Tutti ne parlano ma si fa ancora fatica ad adeguarsi all’industria 4.0. La digitalizzazione e l’automazione del lavoro rappresentano invece un’opportunità.

Nel corso del 2017 la trasformazione dell’industria in 4.0 è stata al centro di un dibattito mondiale relativo al futuro del lavoro e dell’economia. Durante il World Economic Forum 2017 a Davos si è infatti molto discusso su questa tematica, trattando soprattutto prospettive e tecnologie legate a questo grande cambiamento.

Tuttavia, non è possibile parlare di lavoro senza lavoratori.

Cosa comporta il mutamento 4.0 in un mercato fatto non solo di tecnologia ma anche di persone?

Lo Smart Working!

I nuovi strumenti che consentono un mutamento in questo senso non stanno influenzando soltanto il lavoro d’ufficio ma anche l’industria e questo crea non poche preoccupazioni nell’immaginario di dipendenti e imprenditori.

In molti ritengono che la propria attività sia messa a rischio da un futuro ormai divenuto presente, ma si sbagliano.

È infatti proprio in questo contesto che entra in gioco il concetto di Smart Working: una pratica professionale che si basa principalmente sulle tecnologie mobili (come smartphone, tablet/Pad e laptop) che consentono ai lavoratori di svolgere le proprie mansioni anche lontani dall’ufficio, senza alcun limite.

💡 con DocuWare hai accesso a tutte le informazioni anche da fuori ufficio 

Perché questo avvenga è necessario un supporto stabile nonché affidabile da parte delle tecnologie e una social responsability chiara da parte dell’azienda.

Portarsi il lavoro a casa? Sì, ma in modo “agile”!

Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, lo SMART WORKING non è un pretesto per lavorare (o far lavorare) ad ogni ora del giorno e della notte, bensì un modo per rendere il proprio lavoro più flessibile e facile da gestire. 

Come?

  1. Riducendo l’uso dei documenti cartacei e promuovendo la collaborazione in cloud con sistemi professionali specifici. Tali sistemi devono essere in grado di supportare la collaborazione su uno stesso documento, l’archiviazione sicura e la massima accessibilità (ovviamente con credenziali e autorizzazioni specifiche) in tutti i luoghi 
  2. Riducendo la necessità di spostamento fisico dei dipendenti. Questo significa meno tempo passato imbottigliati nel traffico, meno traffico sulle strade e riduzione dell’inquinamento.
  3. Promuovendo una filosofia aziendale basata sulla fiducia. Il lavoro da casa infatti non può essere controllato dal datore di lavoro in modo assiduo ma va stimolato ed organizzato per obiettivi.

Questa pratica non solo permette al collaboratore davvero motivato di essere valorizzato, ma gli garantisce anche una maggiore autonomia e più tempo per far conciliare famiglia, hobby e tempo libero con gli obiettivi professionali. Agli indubbi vantaggi economici che ne trae il datore di lavoro, è doveroso migliorare la qualità di vita dei collaboratori.

Martino Pisaturo

Marketing e vendita, Palo Alto SA

Vuoi saperne di più sulle nostre soluzioni?

L'articolo Smart working… la chiave per governare il cambiamento sembra essere il primo su Palo Alto SA.

]]>